Benvenuto

Questo è uno spazio dove è possibile pubblicare gratuitamente articoli, comunicati stampa e recensioni.
Cosa significa questo? Aumentare la tua popolarità e quella dei tuoi prodotti a costo zero!
Con l'article marketing i tuoi articoli verranno resi disponibili, gratuitamente, a chiunque voglia ridistribuirli sul proprio sito internet.

giovedì 24 aprile 2014

Epitact correttore alluce valgo per alleviare il dolore

Sono numerose le persone che soffrono a causa dell'alluce valgo, una particolare tipologia di deformazione dell'alluce del piede che porta il metatarso verso l'esterno e le falangi verso l'interno e che porta alla creazione di quella che viene comunemente chiamata 'cipolla'. L'alluce valgo è antiestetico, comporta infatti una deformazione dell'aspetto del piede di cui molte persone si vergognano. Credere però che si tratti solo ed esclusivamente di un problema estetico è del tutto sbagliato, l'alluce valgo comporta infatti fastidio e dolore, problematiche queste che con il passare del tempo non fanno che peggiorare. Dobbiamo inoltre ricordare che coloro che soffrono di alluce valgo hanno anche molti problemi di movimento, a causa infatti del dolore non riescono a tenere il piede nella corretta posizione e a tenere quindi una corretta postura per non parlare poi della difficoltà di trovare un paio di scarpe abbastanza comode per poter camminare senza alcun genere di problema. 
L'Epitact correttore alluce valgo è un prodotto che potete trovare in farmacia e che permette di alleviare il dolore creato dall'alluce valgo in modo semplice e veloce. Si tratta di un cuscinetto realizzato in un materiale davvero innovativo che protegge la zona dove è presente il problema da ogni tipologia di sfregamento, anche dallo sfregamento che si viene a creare indossando scarpe chiuse particolarmente strette. Sono molti i prodotti di questa tipologia disponibili oggi in commercio, prodotti che però nella maggior parte dei casi hanno uno spessore eccessivo che va a creare una pressione maggiore nella zona dell'alluce valgo. Nonostante evitino lo sfregamento compromettono comunque la salute del piede proprio a causa di questa pressione. 
Non accade per l'Epitact correttore alluce valgo, prodotto che sulla zona dell'alluce valgo ha uno spessore di appena 1 mm. Niente sfregamento quindi e allo stesso tempo niente pressione eccessiva, per un piede che finalmente sente il sollievo dal dolore e che riesce a muoversi più liberamente. Ma qual'è il materiale innovativo che Epitact utilizza per la realizzazione di questo suo cuscinetto? Si tratta di un gel siliconico, l'Epithelium 26. Questo gel è stato brevettato da podologi professionisti ed è considerato eccellente per il piede in quanto riproduce in modo impeccabile le proprietà elastiche e meccaniche della pelle. Va insomma come a sostituirsi alla pelle stessa, ad aiutarla, rendendo il piede più in forma. Non dovete pensare che questo cuscinetto sia adatto solo ai problemi di sfregamento sull'alluce valgo, ha anche molte altre proprietà. Offre infatti anche una protezione plantare più spessa di 2,2 mm che aiuta a diminuire i dolori alla pianta del piede e che permette di distribuire il peso al meglio e di avere una corretta postura. Capite bene insomma che si tratta di un prodotto innovativo, di una soluzione all'avanguardia a tutti i problemi di dolore ai piedi. Non solo, dobbiamo ricordare che non si tratta di un prodotto usa e getta. Può infatti essere lavato a mano o in lavatrice ed essere riutilizzato più e più volte.

mercoledì 23 aprile 2014

MELEGATTI A CIBUS 2014

L’azienda veronese, leader nel settore dolciario, sarà presente al Salone Internazionale dell’Alimentazione.
Si tratta di un’occasione celebrativa in quanto l’azienda festeggia i 120 anni di attività, Melegatti fu fondata infatti nel 1894 dal grande pasticciere Domenico Melegatti che inventò nome, forma e ricetta del Pandoro.
Molte novità saranno presentate in occasione di questo importante evento esclusivamente agli operatori del settore e saranno rese pubbliche nel mese di Giugno.
Dopo il successo alle precedenti manifestazioni fieristiche estere, Melegatti esporrà la vasta gamma di prodotti a partire dall’amatissimo Pandoro, disponibile in un’elegante versione tradizionale e con diverse e golose farciture, dal Panettone anch’esso con molteplici vesti, e le deliziose torte da gustare in ogni occasione inserite nella linea Prime Dolcezze.
Particolare risalto verrà dato alla linea di croissant “Morbidi Risvegli” e “Granleggeri”.
Una nuova opportunità che segna l’inizio di una attività di comunicazione, volta ad inserirsi anche in altri poli fieristici e a conquistare nuovi mercati, per diffondere nel mondo la conoscenza dei prodotti genuini e di alta qualità Melegatti e la storia di un dolce che è ormai immancabile su tutte le tavole.
Potrete trovare Melegatti al CIBUS, dal 5 al 8 Maggio, presso il pad. 6, stand H34.



 Novella Donelli – Ufficio Stampa Jit
0456171550


sabato 19 aprile 2014

I principali eventi in programma a Firenze nei giorni di Pasqua

Firenze non é solo una delle più belle città d'arte a livello nazionale ed internazionale ma é anche una città ricca di eventi e manifestazioni.
Ogni anno infatti, per Pasqua Firenze, vengono organizzate numerose celebrazioni ed eventi tipici della cultura fiorentina e che affascinano i visitatori e i residenti.
La tradizione più affascinante ed originale é probabilmente il Volo della Colombina, una tradizione che dal 1500 circa allieta il giorno di Pasqua dei fiorentini. La colombina é un piccolo razzo a forma di Colomba bianca, con tanto di ramoscello di ulivo in bocca, che viene acceso per andare a far esplodere il “brindellone”, ovvero il grande carro pieno di fuochi d’artificio che scoppia e augura a tutta la città di Firenze un futuro decisamente favorevole sotto ogni punto di vista. L'usanza vuole anche che la colombina venga accesa all'interno del Duomo di Firenze e faccia poi il giro fino al brindellone, per tornare poi indietro fino alla zona dove c’è il coro maggiore, internamente al duomo stesso. Se la colombina riesce a fare completamente questo giro, allora l’auspicio è positivo, in caso contrario il raccolto non darà buoni risultati.
Un'altra tradizione originale é lo Lo Scoppio del Carro che è una tradizione popolare di Firenze che si tiene la domenica di Pasqua. Si tratta praticamente di un carro pieno di fuochi d'artificio che viene acceso per offrire uno spettacolo storico tra le vie della città toscana.
L'evento dello scoppio del brindellone origina nella Prima Crociata, quando gli europei strinsero d'assedio la città di Gerusalemme in un conflitto per rivendicare la Palestina per il cristianesimo.
La celebrazione religiosa più popolare é la via crucis del venerdì Santo a Grassina. Si tratta di un evento atteso ed apprezzato non solo dai grassinesi, ma anche da tutti i credenti che, abitando nelle vicinanze della bellissima cittadina di Bagno a Ripoli, hanno la fortuna di assistere a questa rievocazione della passione di Cristo.
 Se desiderate trascorrere una Pasqua rilassante a Firenze potrete soggiornare nei numerosi agriturismi Firenze per Pasqua aperti che si trovano nei dintorni della città e che consentono di dormire a pochi passi dalla città ma al contempo in un'atmosfera verde, silenziosa e a contatto con la natura.
Buona Pasqua a Firenze!

venerdì 18 aprile 2014

Trascorrere una Pasqua romantica a Venezia


Venezia é sicuramente una delle città più romantiche d'Italia grazie ai suoi paesaggi da sogno tant'è che questa città viene spesso definita la "città degli innamorati".

Trascorrere la Pasqua Venezia consente di visitare la città scoprendo atmosfere romantiche e calorose ideali per le festività pasquali, soprattutto se desiderate trascorrere la Pasqua insieme alla vostra dolce metà.

Le occasioni romantiche infatti non mancano a partire dalla gita in gondola alla scoperta di Venezia, con la quale potrete ammirare Venezia da un punto di vista diverso: dalla laguna. In passato il gondoliere lavorava per il padrone, sapeva tutto di tutti, conosceva le leggende che si narravano tra le strade veneziane, navigava tra i percorsi meno conosciuti. Le gondole erano usate per uscire con la propria amante o con il proprio amante, si capisce dunque bene l’importante, per il gondoliere, di mantenere il segreto. Ancora oggi i gondolieri sono uno dei simboli della città di Venezia e sapranno farvi scoprire gli angoli più belli di questa città durante la vostra gita a due.

Potrete inoltre gustare un pranzo o una cena romantica nei numerosi ristoranti Venezia per Pasqua aperti che vi consentiranno di vivere il pranzo o la cena di Pasqua in un'atmosfera originale.

Numerose sono anche le offerte degli hotel della zona, come ad esempio l’hotel Carlton on the Grand Canal, che diventa la cornice ideale per una fuga di Pasqua a Venezia. L’hotel propone, infatti, il pacchetto “Una fuga romantica”, con cui poter sorprendere l’altra persona. All’arrivo in aeroporto o in stazione troverete direttamente il personale della struttura ricettiva che, con un taxi acqueo, vi porterà direttamente in hotel. All’arrivo due bicchieri di prosecco vi accoglieranno in camera e la cena al ristorante sarà l’ideale per gustare i più buoni prodotti tipici della città di Venezia. La soluzione include un pernottamento in camera doppia, la colazione a buffet per la mattina seguente, la cena a lume di candela e il transfer fino all’hotel.

Le occasioni romantiche a Venezia per Pasqua dunque non mancano.

Buona Pasqua romantica a Venezia!

Visitare la Toscana per Pasqua: i principali luoghi da non perdere


Tra le regioni italiane più amate vi è sicuramente la Toscana grazie ai paesaggi verdi ed incontaminati, ai monumenti conosciuti in tutto il mondo (torre di Pisa, Duomo di Firenze … ), alla sua cucina e alle sue tradizioni.


Se desiderate trascorrere in Toscana Pasqua non mancheranno i luoghi da visitare, a partire dalle città d'arte: Firenze, Pisa, Livorno, Siena... .

La Toscana offre, però, anche angoli poco conosciuti e dal paesaggio mozzafiato come ad esempio la Maremma, al confine tra la Liguria e il Mar Tirreno. Esso comprende gran parte della Toscana sud-occidentale e il Lazio settentrionale. Sin dai tempi più antichi questa zona d’Italia è stata apprezzata per la sua bellezza. Il poeta Dante Alighieri, nella sua Divina Commedia, nomina la Maremma descrivendola come la regione tra Cecina e Corneto (precedentemente nota come Tarquinia). Da un punto di vista delle cose da vedere, distinguiamo l’Alta Maremma, la parte settentrionale, che si trova proprio sul confine con la provincia di Siena. Questa zona è caratterizzata da numerosi villaggi collinari, molto pittoreschi, come Pitigliano e Roccastrada.

C’è poi il cuore della Maremma, intorno a Grosseto e provincia, dove ci sono la maggior parte degli hotel e dove si tengono i principali eventi manifestazionia.
Di grande interesse naturalistico è anche monte Amiata e monte Argentario, mentre per le funzioni, le chiese della Maremma sono perfette per tutti i credenti.

La zona di Mugello, in Toscana, si trova a nord-est del capoluogo, Firenze. La posizione esatta è una vallata nell’alto corso del fiume Sieve.
Dal punto di vista del paesaggio questa zona della Toscana è caratterizzata da una serie di monti e di colline che si vedono sullo sfondo e che rendono il paesaggio stesso molto attraente.
Diversi sono i monumenti storici che si possono ammirare, anche grazie alla profonda presenza di etruschi e romani in queste zone. Sono proprio gli etruschi ad aver lasciato molte tracce della loro presenza in zona.
Tra di esse c’è un piccolo idolo di bronzo che raffigura una donna con cuffia ed una lunga veste aderente

Quando si parla di Costa degli Etruschi ci si riferisce a quella parte di Toscana in provincia di Livorno che include, tra gli altri, i comuni di Piombino, San Vincenzo, Cecina e Livorno.
Il nome deriverebbe dal fatto che, tra Populonia ed il Golfo di Baratti, ci sono tantissime necropoli di origine etrusca.
Inizialmente con questo termine ci si riferiva esclusivamente alla fascia costiera, successivamente venne esteso anche alla Maremma livornese. Dal punto di vista archeologico, i più bei ritrovamenti e musei di reperti etruschi si trovano a Cecina, Piombino e Rosignano Marittimo.
Tra le città più interessanti da poter visitare in questa zona di Toscana c'è indubbiamente quella di Livorno, che conta circa 150.000 abitanti ed è capoluogo della provincia omonima. Livorno è una città che fonde alla perfezione storia e modernità, dato che è considerata una delle più moderne città toscane, anche se, sul suo territorio, si possono contare tanti monumenti Livorno di notevole importanza storica.


Se non volete rinunciare al Pranzo di Pasqua potrete prenotare uno dei numerosi ristoranti Toscana per Pasqua aperti dove potrete festeggiare la Pasqua in allegria insieme alla vostra famiglia e ai vostri amici.


Buona Pasqua!

“San Giorgio e la città”, arte, storia, musica e parole in onore del santo patrono di Modica (RG)

Modica (RG) - La manifestazione "San Giorgio e la città", organizzata dalla Fondazione Giovan Pietro Grimaldi in collaborazione con il Comune di Modica, la parrocchia Chiesa madre di San Giorgio, l'Associazione portatori di San Giorgio, il Kiwanis, il Consorzio Turistico di Modica e la locale Compagnia del Piccolo Teatro, entra nel vivo con due importanti avvenimenti culturali in occasione della festa del santo patrono.
Si comincerà giovedì 24 aprile alle ore 19.30, quando le porte del duomo di San Giorgio si apriranno per una lectio magistralis dal titolo "Il polittico di San Giorgio - Una lettura tra storia e arte" tenuta da Giuseppe Barone (storico e presidente della Fondazione Grimaldi) e Paolo Nifosì (storico dell'arte). I due studiosi, alla luce di recenti ritrovamenti archivistici, proporranno un'inedita riflessione storica ed estetica sul cinquecentesco polittico di Bernardino Niger, considerato uno dei capolavori dell'arte siciliana del XVI secolo. Previsto, inoltre, un intermezzo recitativo di Marcella Burderi, studiosa di etno-antropologia, che declamerà alcune strofe dell'ottocentesco "Cunto di San Giorgio". Sabato 26 aprile alle ore 18.00 a Palazzo della Cultura (Corso Umberto I, 149) la Compagnia del Piccolo Teatro e il gruppo "Muorika Mia" daranno vita allo spettacolo "Spatulidda Riali. Parole e musiche in onore del Santo". Cinque attori – Massimo Barone, Ornella Fratantonio, Antonella Palazzolo, Fatima Palazzolo e Marcello Sarta – racconteranno la popolare festa del santo con le parole della tradizione letteraria (Raffaele Poidomani, Franco Antonio Belgiorno, Nannino Ragusa, Tanino Puglisi, Angelo Aprile, ecc.) e popolare (Cunto di San Giorgio), accompagnati dalle note dei "Muorika Mia" che musicheranno canti, novene e preghiere della tradizione religiosa locale. Letture attoriali e musiche popolari faranno da cornice ad alcuni brevi interventi di Giuseppe Barone e Marcella Burderi, rispettivamente sul culto del patrono nei secoli e sull'identità popolare della festa religiosa.
Da ricordare, infine, la mostra fotografica "Scatti di festa" inaugurata lo scorso 12 aprile a Palazzo Grimaldi e aperta fino al 4 maggio (da lunedì a sabato, ore 9.00-13.00 e 16.00-20.00), che attraverso le immagini di sette fotografi - Giovanni Antoci, Salvatore Brancati, Renato Iurato, Enzo Leanza, Giuseppe Paternò, Salvatore Pluchino e Giovanni Tidona - racconta le storie, i volti, i luoghi, i colori di una festa che appartiene all'immaginario e al folklore locale, ma anche alla letteratura, all'arte e alla storia della città.


Info e contatti
Fondazione "Giovan Pietro Grimaldi"
Corso Umberto I, 106 - 97015 Modica (RG)
tel. 0932.757459 fax 0932.752415
mail: info@fondazionegpgrimaldi.it

giovedì 17 aprile 2014

QUINTETTO IMPERFETTO Project: esce il loro primo album “Il Gioco dell'Oca”

Un progetto musicale sincero e diretto, fatto di canzoni, di messaggi, di storie da raccontare, per riprenderci gli spazi e i tempi per le note e per le parole spesso soffocate dal rumore della vita ,un equilibrio precario ma non impossibile tra il sorriso e il pensiero”. (Quintetto Imperfetto)